PEC fatturazione elettronica B2B

.

.

.

PEC fatturazione elettronica B2B

Salvo proroghe, il 1° Gennaio 2019 entrerà in vigore la fatturazione elettronica tra privati (B2B). Anche se si verificasse tale evento, le soluzioni sotto riportate sono comunque da attivare per una migliore gestione anche nell’immediato.

Il flusso principale della fatturazione elettronica  B2B attiva e passiva sarà gestito con l’invio via PEC, salvo che non venga scelto un altro fra i canali disponibili per la trasmissione.
Dunque, per chi gestisce un numero rilevante di fatture clienti e/o di fatture fornitori, é utile avere a disposizione una o più caselle PEC di servizio per non “sporcare” di traffico ripetuto la casella ufficiale depositata presso il Registro delle Imprese che deve essere dedicata alle comunicazioni di tipo contrattuale o legale e che usualmente è gestita dalla segreteria della Direzione Generale o dell’ufficio legale.

Le nuove caselle di posta certificata sono pertanto utili strumenti che fanno capo ai settori aziendali di pertinenza.
È bene anche rilevare che nella casella PEC delle fatture clienti giungeranno le ricevute di accettazione e consegna nonché i messaggi di eventuali scarti effettuati da SdI – Sistema di Interscambio; pertanto tale casella deve essere gestita quotidianamente in modo attento.
Per le fatture fornitori é utile avere a disposizione una casella PEC dedicata allo scopo di monitorarne gli arrivi e procedere nella data di arrivo alle registrazioni contabili.
Un’ulteriore casella é utile per gestire le attività di conservazione digitale sostitutiva poiché le fatture xml, che sono documenti informatici, devono essere conservate digitalmente e pertanto ad ogni documento o gruppo di documenti inviato in conservazione il conservatore invierà un messaggio (rapporto) sul flusso di conservazione sempre via pec.

Per una gestione organizzativa ordinata, le caselle di posta elettronica certificata occorrenti potrebbero essere le seguenti:
1.- pec fatturazione elettronica attiva: fatturazione.nomeazienda @ pec.it o inpec.it
2.- pec fatturazione elettronica passiva: acquisti.nomeazienda @ pec.it o inpec.it da comunicare con congruo anticipo ai propri fornitori e/o da registrare presso l’Agenzia delle Entrate come casella pec ricevente le fatture elettroniche  provvedimento AdE – Portale per la registrazione
3.- pec conservazione digitale sostitutiva: conservazione.nomeazienda @ pec.it o inpec.it

In alternativa, per le società più attente alla gestione della propria immagine e che hanno registrato – o decidono adesso di registrare – il proprio dominio la configurazione é la seguente:
A) pec fatturazione elettronica attiva: fatturazione @ pec.nomedominio.it(oppure altra estensione)
B) pec fatturazione elettronica passiva: acquisti @ pec.nomedominio.it
C) pec conservazione digitale sostitutiva: conservazione @ pec.nomedominio.it
PEC associata a dominio registrato   –   PEC associata a dominio da registrare.

Per ottenere questa soluzione è sufficiente attivare il dominio di terzo livello pec che va successivamente certificato.

Attenzione ad un altro aspetto importante. Tutti i messaggi trasmessi via pec sono documenti informatici e quindi occorre effettuarne la conservazione a norma, cioè in conservazione digitale sostitutiva. Tale operazione è del tutto automatica una volta stabilite ed attivate le semplici regole di gestione.
Dunque ogni casella di posta certificata dovrà essere accompagnata dal proprio servizio di conservazione digitale sostitutiva.

Documentazione per l’attivazione

Prelevare il modulo di adesione.
Compilare il modulo, apporre le tre firme richieste ed allegarlo nel form di fianco (rettangolo upload).

Allegare al form anche copia del documento di identità in corso di validità.

Successivamente all’ordine viene inviata la fattura con codice IBAN per l’effettuazione del pagamento; ricevuto l’accredito il servizio sarà attivato.

 

Modalità di attivazione: entro il giorno lavorativo successivo dal pagamento.
Modalità di pagamento: il pagamento deve essere eseguito al ricevimento della fattura ed è presupposto per l’effettuazione delle operazioni.
Rinnovo PEC: successivamente al primo anno, € 13,66 +IVA per anno con fatturazione triennale.
Rinnovo servizi opzionali: successivamente alla prima attivazione, i servizi opzionali verranno rinnovati contestualmente al rinnovo della PEC; pertanto la durata temporale del primo periodo va dal momento dell’attivazione fino al momento di rinnovo della PEC.
Variazione prezzi: il Fornitore si riserva la possibilità di variazione preavvisando con almeno 60 giorni di anticipo. 
Efficacia ed accettazione delle norme contrattuali: l’efficacia del contratto e l’accettazione delle sue norme si manifestano con la firma e l’invio della documentazione necessaria per l’attivazione.
Foro di competenza: per qualunque controversia nascente o derivante dal presente contratto le parti derogano convenzionalmente la competenza in favore del Foro di Firenze. Previamente le parti si impegnano a servirsi dello Sportello Arbitrato e Conciliazione presso la Camera di Commercio di Firenze allo scopo di individuare una soluzione stragiudiziale della controversia.

Dichiarazione certificazione: gratuita
Spazio casella: 1 GB
Dimensione massima messaggio: 100 MB
Numero massimo destinatari: 500
Notifica tramite mail: SI
Modifica password: SI
Antivirus e antispam: SI
Ricezione email non certificate: SI
IMAP: SI
Accesso via webmail: SI
Filtri e regole messaggi: SI
Non ripudiabilità del messaggio inviato/ricevuto: SI
Assistenza: SI
Archivi aggiuntivi in box per la casella standard: da 1 GB a 5 GB aggiuntivi.

Conservazione sostitutiva PEC: conservazione di messaggi ed allegati “cristallizzati” con valore legale. Il trasferimento automatico avviene secondo regole definite dall’utente con incremento progressivo degli archivi.

Costo Contratti Informativa

Il canone annuale per le caselle di servizio illustrate in questa pagina è di Euro 13,66+IVA con fatturazione triennale.
Per la certificazione del dominio @pec.nomedominio il canone annuo è di Euro 25,00+IVA con fatturazione collegata alla casella PEC di riferimento.
Per la conservazione sostitutiva il canone annuale è di Euro 9,50+IVA per ogni GB con fatturazione collegata alla casella PEC di riferimento.
Condizioni contrattuali E-security ArubaPEC
Condizioni generali di vendita nella scheda
Informativa Privacy

PEC - Fatturazione elettronica b2b
Trascina qui il tuo file o fai clic per caricarlo Scegli file
Dimensioni massime caricamento: 31.46MB.
Upload modulo adesione compilato e firmato, documento identità, copia contabile.
Inserire i dati dello Studio e della persona di riferimento con recapito telefonico
Invio