.

.

.

.

.

I servizi innovativi sono parte integrante della consulenza aziendale; il confine tra i due oggetti è molto labile anche per le continue novità che giungono dal mondo digitale.
I servizi innovativi derivano da applicazioni di terze parti produttrici (società di software o tecnologiche), e quindi non sono ritagliati su misura; il consulente applica le proprie capacità di analisi e di risoluzione per rispondere alla specifica esigenza del Cliente anche quando vanno affrontati casi per le micro e piccole imprese.
Il consulente di direzione aziendale, obbligato alla continua formazione sull’innovazione digitale, è il professionista che può trasferire effettivo valore al Cliente, proponendo soluzioni, strategie e modalità per fare fronte ai frequenti e rapidi cambiamenti di mercato.

Digital transformation – Trasformazione digitale

Per ogni organizzazione è necessaria la massima attenzione sulla trasformazione digitale in atto, con l’obiettivo di individuare opportunità e minacce.
Non avere la corretta visione degli avvenimenti e la strategia conseguente per affrontare il cambiamento (sconvolgimento digitale o digital disruption) può aumentare notevolmente il rischio sulla sopravvivenza dell’organizzazione.

Se l’organizzazione non ha risorse umane interne in grado di sostenere questo passaggio, possiamo intervenire per fornire il supporto necessario per questa fase che implica capacità di analisi, individuazione di strategia, attitudine alla progettazione, conoscenza degli strumenti.

Analisi portafoglio Clienti Italia

La valutazione del portafoglio clienti è il servizio che  fornisce una valutazione sintetica del rischio del portafoglio clienti, elaborata sulla base del livello di rischio assegnato alle aziende che ne fanno parte.
Contiene la possibilità di:
– rilevare la distribuzione dei clienti in portafoglio e la relativa esposizione per classe di rischio
– comprendere il livello di concentrazione del rischio
–  quantificare i rischi cumulati
– conoscere il fatturato dei Clienti per elaborare un’analisi sulla possibilità di sviluppo delle relazioni.
Il servizio si basa sulla piattaforma Cerved Marketing+ che elabora dati in tempo reale su un database aggiornato quotidianamente.
Attuare la strategia di sviluppo commerciale vendite Italia

Clienti potenziali: la ricerca di lead

E’ il servizio che consente di individuare il potenziale sviluppo dell’impresa in Italia.
Partendo da un cluster/tag del portafoglio clienti esistenti, siamo in grado di individuare nuovi clienti potenziali con le stesse caratteristiche degli attuali clienti in portafoglio (caratteristiche dimensionali, geografiche e settoriali).
La possibilità aggiuntiva di estrarre solo le anagrafiche desiderate utilizzando una serie di filtri (geografici, dimensionali, settoriali) consente di definire il focus della ricerca.
Un’ulteriore soluzione è rappresentata dalla possibilità di generare liste marketing aggiornatissime utilizzando una serie di filtri.
Il servizio si basa sulla piattaforma Cerved Marketing+ che elabora dati in tempo reale su un database aggiornato quotidianamente

Vendere beni, ma il valore aggiunto è nei servizi

Quando il mercato si fa molto competitivo per un prodotto, una soluzione spesso progettata è l’incremento di distintività per uscire dalle attenzioni comparative di prezzo.
Un’ulteriore soluzione è rappresentata dalla progettazione di servizi aggiuntivi che consentano di ritrovare la marginalità perduta.
Poiché una delle nostre attività è da sempre rappresentata dalla progettazione di servizi innovativi, affianchiamo le direzioni aziendali per individuare soluzioni che consentano nuove strategie di proposta al mercato.
La visione ampia su casi affrontati, basi dati aggiornate e capacità d’analisi, l’attenzione ai cambiamenti in atto ci consentono di suggerire interventi innovativi che si traducono in vantaggi competitivi.

Efficacia della Rete di vendita

Comunque sia costituita la rete di vendita (diretta o indiretta), è necessario monitorarne costantemente i risultati.
Quando il prodotto venduto non sia assoggettato a esclusive, rapporti di partnership, gestione del marchio, si farà prevalentemente riferimento a una presenza su un determinato territori e si farà riferimento al rapporto tra il numero dei Clienti attivi e il numero dei potenziali Clienti del territorio.
Altrettanto rilevante è la qualità dei Clienti in relazione al credito concesso. Per la misurazione dell’efficacia sarà utile determinare il rapporto che abbia per numeratore la media dei rating della Clientela acquisita e per denominatore quella dei Clienti presenti sul territorio (potenziali e acquisiti). 
Sviluppo commerciale Italia>>>>

E-commerce: problematiche, strategie, implementazione

L’approccio al tema delle vendite online suscita tuttora dubbi e perplessità nelle PMI italiane.
I dubbi sono rappresentanti dalla compatibilità con la rete di vendita tradizionale, dalla modalità da seguire per alimentare un canale di vendita redditizio nel breve periodo, dalla difficoltà nel comprendere quali siano gli investimenti complessivi da effettuare e la nuova organizzazione da mettere in campo per dare risposte agli input dei clienti internet.
A questi argomenti siamo in grado di dare risposte certe, affrontando gli argomenti nella veste di consulenti che possono anche sconsigliare di effettuare l’investimento; suggerimento che difficilmente perverrà da un venditore di soluzioni e-commerce.
Dettagli consulenza e-commerce>>>>

Data scientist e implementazione database

È sempre maggiore il numero di aziende che prende atto della grande mole di informazioni prodotte al proprio interno e di quanto sarebbe utile trarne profitto con l’adeguata comprensione.
Ma le capacità di analisi sono spesso ridotte: mancanza di professionalità interne, necessità di risposte alle esigenze quotidiane, insufficienti investimenti in ICT.
Le informazioni prodotte e quelle eventualmente disponibili esternamente possono diventare patrimonio inaspettato e da valorizzare nel tempo.
L’analista specialista in tale caso ha assunto la denominazione da data scientist. Le sue abilità sono dovute a una  serie di competenze che permettono alle aziende non solo di sfruttare i dati disponibili per generare vantaggio competitivo, ma anche di creare nuovi modelli di business.

Conservazione digitale sostitutiva con revisione processi

Per scegliere in modo oculato il servizio di conservazione digitale sostitutiva occorre fare riferimento a due elementi essenziali: la sicurezza degli apparati e la possibilità di usufruire di consulenza organizzativa.
Trattandosi di servizi complessi In materia di sicurezza, per avere certezze sulla qualità del fornitore è utile fare riferimento all’elenco dei conservatori accreditati presso AgID – Agenzia per l’Italia Digitale.
L’elemento di distinzione del servizio è il completamento con la nostra consulenza organizzativa che offre l’opportunità di ottenere i massimi vantaggi dai servizi digitali.
Dettagli conservazione sostitutiva>>>>  
Conservazione sostitutiva fatture GSE>>>>

Software selection indipendente

Una richiesta sempre più frequente da parte delle impresa riguarda il supporto del consulente di direzione per la scelta di sistemi ERP o CRM.
Poiché gli investimenti sui software integrati sono economicamente rilevanti ed implicano capacità di analisi, visione sul cambiamento organizzativo e sulla sua realizzazione, conoscenza del mercato dei produttori e correlazione tra soluzioni già presenti e soddisfacimento delle esigenze aziendali, il ricorso ad un esperto di gestione ed organizzazione è oggi ricorrente.
La software selection indipendente rassicura poi l’imprenditore sulla capacità di analizzare le proposte dei fornitori nell’esclusivo interesse dell’impresa.

AutoAnalyzer

AutoAnalyzer è un questionario: lo strumento più semplice e rapido per fare un’analisi sulle capacità competitive della propria azienda.
L’obiettivo è individuare le aree nelle quali si può ottenere il miglioramento.
L’analisi può essere svolta autonomamente o in collaborazione dei nostri consulenti.
Il questionario fa riferimento ai seguenti argomenti: localizzazione, tipologia, merceologia, dimensione, ricerca e sviluppo, marketing, mercati, canali di vendita, competitori e aziende di riferimento, prezzi di vendita, attività produttiva, attività economico amministrativa, incidenza dei costi sui ricavi, stato organizzativo, risorse umane, sistema informativo, area internet.
Successivamente alla rapida analisi avrete un quadro effettivo sulle aree di forza e di debolezza.
Soprattutto sarà possibile individuare quali sistemi di innovazione organizzativa sono disponibili per raggiungere livelli di competitività almeno pari a quelli dei migliori concorrenti.

Misurazione delle performance

L’indicatore chiave di prestazione (in inglese Key Performance Indicator o KPI) è un indice che monitora l’andamento di un processo aziendale.
I principali indicatori sono di quattro tipi:
indicatori generali: misurano il volume del lavoro del processo
indicatori di qualità: valutano la qualità dell’output di processo, in base a determinati standard (ad esempio, rapporto con un modello di output, o soddisfazione del cliente)
– indicatori di costo
indicatori di servizio o di tempo: misurano il tempo di risposta, a partire dall’avvio del processo fino alla sua conclusione.
Solitamente i KPI vengono introdotti con l’obiettivo di comprendere la capacità di risposta a input in ambiti frazionati.
Starà all’abilità dell’analista trasformare i risultati che derivano dalla misurazione delle performance in elementi che fanno parte del contesto economico, utile quindi a fornire risultati predittivi  che verrano poi confermati dalle rilevazioni gestionali più tradizionali.

Ricerca servizi cloud avanzati

L’impresa che vuole restare sul mercato deve continuamente recuperare competitività; uno strumento per essere più competitivi è il passaggio all’uso di software as a service e all’uso di piattaforme cloud.
Il cambiamento organizzativo comporta l’accesso a soluzioni un tempo disponibili solo per le medie e grandi aziende che, grazie al cloud, oggi sono disponibili anche per micro, piccole e medie imprese.
Gli obiettivi raggiungibili sono la riduzione di tempi e costi per la condivisione (interna ed esterna) delle informazioni, a cui segue il complessivo miglioramento della gestione con l’ottimizzazione di processi e procedure.
L’insieme dei cambiamenti tenderà a trasformare l’organizzazione da analogica a digitale, con incremento di produttività, rapidità, qualità nella gestione del servizio al Cliente.
Per ottenere questo risultato occorre un analista che sia in grado di identificare rapidamente le esigenze e che abbia conoscenze consolidate, e continuamente aggiornate, sulla disponibilità di servizi cloud che risolvono il gap da affontare.

Richiesta informazioni con opzioni
Invio
Richiesta di informazioni

Con l’invio del modulo il mittente dichiara di conoscere l’informativa Privacy e acconsente al trattamento dei dati personali.
Inserire il flag sugli argomenti di interesse e indicare nel messaggio le esigenze aziendali.

Continua la lettura sugli strumenti

Ulteriori informazioni sulla trasformazione digitale sono disponibili nelle pagine che si riferiscono agli strumenti operativi per

impresa digitale>>>>  

studio professionale digitale>>>>  

non profit digitale>>>>

Digital transformation – Rapporto Coleman Parkes Research, settembre 2016

È emerso che come conseguenza della digital transformation:

  • I ricavi da nuove fonti di business sono aumentati in media del 37%
  • La customer satisfaction è cresciuta del 40%
  • Il time-to-market è più veloce del 33%
  • Il 74% delle aziende ha riscontrato un miglioramento della customer experience
  • Il 76% segnala un incremento della copertura digitale